affitta sale meeting

ricerca avanzata

Il Nostro Cartellone Culturale

Lunedì 28 maggio 2018, ore 15.00 Caffè Letterari - II serie 2018

RESTO QUI

Martedì 29 maggio 2018, ore 21.00 Martedì Sera - II serie 2018

DIALOGO SULL'IMMIGRAZIONE. TRA FALSI E SCOMODE VERITA'

Mercoledì 30 maggio 2018, ore 10.00 Appuntamenti del mercoledì mattina - II serie 2018

SAPORI, ERBE E AROMI: ECCELLENZE DEL PIEMONTE

Lunedì 4 giugno 2018, ore 15.00 Caffè Letterari - II serie 2018

IL CORPO

Martedì 5 giugno 2018, ore 21.00 Martedì Sera - II serie 2018

HOMO PREMIUM. COME LA TECNOLOGIA CI DIVIDE

Mercoledì 6 giugno 2018, ore 10.00 Appuntamenti del mercoledì mattina - II serie 2018

LE INSIDIE NELLE CARENZE VITAMINICHE: CAUSE, RIPERCUSSIONI E RIMEDI NELL'ADULTO

Martedì 12 giugno 2018, ore 21.00 Martedì Sera - II serie 2018

DA "LA SMORFIA" A TORINO

Mercoledì 13 giugno 2018, ore 10.00 Appuntamenti del mercoledì mattina - II serie 2018

GRAND'ITALIA. PROFILI DI ITALIANI ILLUSTRI DEL '900

Giovedì 10 maggio 2018, ore 18.00

RIFUGI E RITORNI. Storie del mio lungo viaggio tra rifugiati, filantropi e assassini.

Caffè Letterari - II serie 2018 

Filippo Grandi, Alto Commissario delle Nazioni Unite per i Rifugiati insieme a Nello Scavo, scrittore e giornalista "Avvenire" ed  a Giuseppe Salvaggiulo, caporedattore politica La Stampa,  inaugureranno il ciclo con la presentazione del libro “Rifugi e ritorni. Storia del mio lungo viaggio tra rifugiati, filantropi e assassini”,  edito da Mondadori. L’autore,  è una figura chiave del nostro tempo: dopo la laurea e il servizio civile, decide di partire volontario per assistere i profughi cambogiani sospinti nella Thailandia nordorientale da anni di guerra. L'esperienza è così coinvolgente da trasformarsi in una scelta di vita, le cui tappe fondamentali, sono ripercorse in pagine vivide, intense, spesso toccanti. Dai curdi iracheni in fuga nei paesi vicini a causa dei massacri perpetrati dal regime di Saddam Hussein ai profughi ruandesi dispersi a migliaia nelle foreste dell’Africa centrale, dagli afghani di ritorno da Iran e Pakistan dopo la caduta dei talebani ai rifugiati palestinesi in territorio siriano, costretti a fuggire di nuovo dopo lo scoppio della guerra civile nel 2011. Grandi descrive paesaggi, talvolta di incantevole bellezza, devastati dall’orrore della fame e della guerra. E racconta le difficoltà, le paure e le insidie, ma anche le piccole e grandi gioie, che costellano il rapporto quotidiano con persone bisognose e terrorizzate, con vittime e carnefici, filantropi e assassini, in un inestricabile intreccio di miseria e ricchezza, cinismo ed empatia, odio e solidarietà. Attraverso il suo racconto il lettore può così compiere un viaggio nello spazio e nel tempo: un tempo vicinissimo che tuttavia, complici gli avvenimenti internazionali degli ultimi anni e la crescente velocità del mondo dell'informazione, appare ormai passato e uno spazio che, seppur in apparenza molto lontano dall'Italia, in realtà è più vicino di quanto si possa immaginare.

COLLABORATORI ED ENTI PATROCINANTI