affitta sale meeting

ricerca avanzata

Photo Gallery Eventi Trascorsi

DARIO VOLTOLINI ALAN FRIEDMAN MENTI INSOLITE.RADIOGRAFIA DI CINQUE FEMMINICIDI MENTI INSOLITE. RADIOGRAFIA DI CINQUE FEMMINICIDI ANTONELLA CILENTO
Lunedì 12 novembre 2018, ore 18.00

Le nuove strategie per l'export dell'industria agroalimentare

#Non solo food. Ieri, oggi e domani della cucina in Piemonte 

Ultimo appuntamento del ciclo “Le nuove strategie per l’export dell’industria agroalimentare”. Vedrà protagonisti Giovanni Grasso, Managing Director del “Ristorante La Credenzadi San Maurizio Canavese e  l’imprenditrice Roberta Ceretto, figlia di Bruno che, insieme al fratello Marcello, ha legato il proprio nome a prodotti di culto come Barolo e Barbaresco, ma anche al Blangè ed all’Arneis del Roero. Insieme al responsabile del Servizio Agri Agro di Crédit Agricole Cariparma, Emanuele Fontana,  dialogheranno con il giornalista de La Stampa, Luca Ferrua. Conoscere e conquistare i mercati esteri è una tappa fondamentale anche per le aziende dell'agroalimentare, piccole o grandi che siano. Un concentrato di potenzialità ancora non del tutto espresse: l'agroalimentare è un volano per l'economia italiana che presenta ancora decisi margini di crescita, soprattutto se accetta la grande sfida dei mercati esteri. Una prova che è perfettamente in grado di cogliere, pur tra le mille insidie che comporta a giocare su uno scacchiere internazionale altamente competitivo. I recenti dati (dal 2015) mostrano una crescita record delle esportazioni agroalimentare: un +7% con crescita oltre il 20% in Usa, Cina e su molti altri mercati. Non c’è mai stata una richiesta così forte di Italia nel mondo. Abbiamo raggiunto con i nostri prodotti 1,2 miliardi di consumatori mondiali. Quale ruolo possono giocare i paesi emergenti nell’acquisto di prodotti agroalimentari italiani? Quali sono le aree rilevanti per lo sviluppo del futuro business per l’export italiano? Quali strategie e segmenti sono da utilizzare per lo sviluppo e o il presidio di un mercato? Ha ancora senso utilizzare i canali tradizionali, quali missioni, manifestazioni fieristiche oppure bisogna prediligere i canali logistici e gli strumenti digitali?

COLLABORATORI ED ENTI PATROCINANTI